ESTETICA ALIENA: XENOFEMMINISMO E ANIMALI NON UMANI

Il primo passo da intraprendere nell’inclusione degli animali non umani è la demolizione dei dualismi che separano la natura dalla tecnologia e che sono alla base delle gerarchie di oppressione che imitano le strutture patriarcali, eurocentriche e coloniali dalle quali sono nate. Ponendosi in continuità con tale separazione, lo xenofemminismo non riesce a parlare da un punto di vista impersonale, metamorfico e non essenzializzato, come si propone di fare. Al contrario, si esprime a partire da una posizione di potere consolidata ed esclusiva.

Annunci
Continua a leggere "ESTETICA ALIENA: XENOFEMMINISMO E ANIMALI NON UMANI"

QUEERIZZARE LA DIFFERENZA DI SPECIE -SECONDA PARTE

Continua da qui. HABITATS ARE LIMITED In Habitats are Limited, porto avanti la mia ricerca sulle espressioni incarnate di ecologia queer. Habitats are Limited esplora, utilizzando sia stampe 2D che installazioni, l’empatia queer verso gli animali attraverso una modalità gestuale. All’inizio del progetto, le/i partecipanti riflettono sulle proprie esperienze di marginalizzazione in quanto soggetti queer, persone […]

Continua a leggere "QUEERIZZARE LA DIFFERENZA DI SPECIE -SECONDA PARTE"